Altra sconfitta per i Biancoazzurri: finisce 65-82 | Riassunto 9^ Giornata /R


Soavegel Francavilla 1963 – A.S. Basket Corato 65-82



Potremmo stare qui a parlare di chi ce l’ha più lungo, potremmo parlare dell’invidia del roster.
Eppure siamo stati lì, e chissà se quel canestro non avesse deciso di rimpicciolirsi all’improvviso…

Perché in fondo, in questo sport meraviglioso, vince chi trova l’equilibrio sul fare canestro e non farlo fare agli altri. A fine partita, statistiche in mano, sono 58 tiri a testa, stesse opportunità di fare canestro per entrambe le squadre. Corato ne ha messi più di noi.

Forse riduttivo come concetto, perché la qualità del roster degli ospiti é un dato di fatto. I nostri ragazzi continuano a compensare con il cuore e affrontare partite come queste a viso aperto con la possibilità di vincerle. Ed è questo che ci fa onore e ci fa uscire a testa alta sempre.

Contro un Villa ancora senza Menzione e Di Punzio, Corato parte forte, pressano i nostri dappertutto, e siamo subito sotto 0-7 al primo timeout di coach Vozza. Un minuto salutare che risveglia i nostri. Sblocca Angelini, poi Musci, Eletto ruba palla a Stella e spara a segno sulla linea da 3, Lillo di classe e siamo 8-7.
Beh, adesso iniziamo a ragionare.

Cicivé e poi Sgró provano a tamponare l’onda d’urto biancoazzurra. È un Villa assatanato, Lillo e Fede da 3. Se nelle campagne mesagnesi si aggira un ghepardo, sui parquet della Puglia si aggira un leone: Musci. Calò scardina la difesa allo scadere e siamo 21-16 a fine primo quarto.

Sogniamo. Ancora di più quando Fede mette una tripla da 8 metri e ci dà il massimo vantaggio 24-18. Il Corato viene risollevato dal lituano Bagdonavicius, dall’oriundo Cicivè, che dalla media è una sentenza, e dal lettone Bricis che inizia la sua stagione sul parquet della San Francesco.

Lillo, chiuso, apre per Calò da 3. 27-24. Subito Bricis risponde. Ma settimana prossima no è. Oggi dovevi iniziare. Corato costruisce il primo allungo sul 34-42 sui nostri rimbalzi persi difensivamente, e qui l’assenza di capitan Menzione si sta facendo sentire. Tamponiamo e andiamo al riposo lungo. 39-44.

Eletto ruba palla e serve Danilo Mazzarese che mette la tripla.
Tu chiamale se vuoi, emozioni.
Due ragazzi del nostro vivaio senza paura, nel momento più difficile trascinano i nostri.
Ci asciughiamo le lacrime di commozione e Musci firma il sorpasso sul 46-45.
Dopo 6 minuti di Villa perfetto in difesa.
6 minuti in cui un esercito come quello neroverde segna solo un punto.

Un tecnico a Vozza, una tripla di Castoro ed un altra di Bricis. 46-52. Scricchioliamo. Il canestro ci sputa fuori tutto. Difendiamo bene, ma Stella ha la fortuna di poter armare otto fucili spara punti. Chiuso divinamente da Eletto, il forte play mesagnese si dedica agli assist.

Un parziale di 0-15 ci condanna e ci mette di fronte alla superiorità ospite. 46 – 60. Ci sbloccano due liberi di Angelini a fine terzo quarto. 48-60.
L’occasione per riaprirla ce l’abbiamo ad inizio ultimo quarto, quando Musci entra in area e fa canestro, l’arbitro fischia tecnico per simulazione al difensore ma non convalida i due punti. Niente, non è serata, anche quando entra la palla, ce l’ annullano.

Ogni tentativo di riavvicinamento sarà vanificato da un Bricis glaciale. Il lettone è un acquisto che rischia di crackare il finale di stagione. Giocatore completo in tutto. Moro ed Ermal Meta avrebbero modificato il ritornello vincente di Sanremo, al cospetto di Bricis. Finirà 65-82.

Ci son voluti un lettone, un lituano, un oriundo, due coccodrilli ed un orango-tango, un roster infinito per abbattere il muro della San Francesco. Onore al Corato di coach Verile, ma siamo orgogliosi dei nostri ragazzi, orgogliosi di quello che stanno facendo. Orgogliosi di quei playoff che stanno conquistando e che difenderanno con i denti fino alla fine.

Sono della nostra terra e non ci stancheremo mai di dirlo, di sostenerli e stare al loro fianco, soprattutto nei momenti più difficili. Onore per questo ai nostri tifosi, straordinari anche oggi, sempre più tutt’uno con i ragazzi che scendono in campo.

Siamo vivi. E questo cuore batte.
Forte.

Soavegel Basket Francavilla – As Basket Corato 65 – 82[ 21-16, 18-28, 9-16, 17-22 ]

Francavilla: Musci 20, Ciracì, Leo 8, Cannalire, Mazzarese M. 2, Calò 13, Angelini 11, Iaia, Eletto 2, Mazzarese D. 9.
Coach Vozza

Corato: Bricis 19, Stella 7, Sgrò 7, Castoro 11, Cipri 4, D’Introno 1, Cicivé 11, Di Bartolomeo, Amendolagine 5, Bagdonavicius 17.
Coach Verile

 

Ufficio Stampa Basket Francavilla 1963

Le altre notizie

Rimandato tutto a gara 3!!! | Riassunto – Finale PLAYOFF Gara 2

 V.B. Castellaneta -  Soavegel Francavilla 1963  92-65 Non si arriva in fina­le per caso. Gara 2 è stato uno d­i quei giorni di [...]

Quante emozioni questo Villa!!! | Riassunto – Finale PLAYOFF Gara 1

 Soavegel Francavilla 1963 - V.B. Castellaneta 70-69 9". Si può gioire, piangere e gioire di nuovo in 9". Trasformare lacrime di sconforto [...]

Tutti uniti per il sogno del Villa! | Prepartita – Finale PLAYOFFS gara 1

Finale Playoff 2018 Gara 1: Soavegel Francavilla 1963 - V.B. Castellaneta Ne abbiamo passate di battaglie, sfide impossibili e [...]

SIAMO IN FINALEEEEE! | Riassunto – Semifinali PLAYOFFS Gara 3

 Soavegel Francavilla 1963 - Nuova Pallacanestro Monteroni 81-72 Tutti hanno puntato sugli stranieri noi abbiamo puntato sul nostro territorio, sul gruppo a [...]

2018-02-26T10:22:30+00:00