UFFICIO STAMPA

BASKET FRANCAVILLA1963

/REGOLAMENTO
REGOLAMENTO 2017-09-23T08:19:20+00:00

Regolamento interno – Parte Prima

“Impegno societario e linee comportamentali”

Questo regolamento interno recita norme sostanziali e comportamentali che dovranno essere rispettate da tutti quelli che operano, a vario titolo, nella Società medesima.

L’adozione del presente Codice Etico è espressione della volontà della Società di promuovere uno standard professionale nello svolgimento delle prestazioni sportive e di tutte le attività riconducibili alla Società, ed al tempo stesso, vietare quei comportamenti che sono in contrasto non solo con le normative rilevanti ma anche con i valori etici che la Società intende promuovere e garantire.

La Società si impegna a:

  •  promuovere azioni volte a diffondere una sana cultura etico/sportiva;
  • astenersi da qualsiasi condotta atta ad arrecare pregiudizio alla salute degli atleti, con particolare riferimento ai bambini e giovani, garantendo che la salute, la sicurezza ed il benessere psico-fisico assumano un ruolo primario;
  • evitare comportamenti che in qualsiasi modo determinino o possano determinare incitamento alla violenza o ne costituiscano apologia;
  • promuovere un tifo leale e responsabile;
  • non premiare alcun comportamento sleale.

Costituisce obiettivo della Società:

  • sostenere iniziative rivolte alla diffusione dello sport tra i giovanissimi;
  • garantire che la salute, la sicurezza ed il benessere dei bambini e giovani atleti costituiscano uno scopo primario rispetto al successo sportivo o a qualsiasi altra considerazione;
  • assicurare il rispetto delle esigenze di istruzione scolastica;
  • garantire che tutti i soggetti con responsabilità verso i bambini e giovani siano ben qualificati per guidare, formare, educare ed allenare in funzione dei diversi livelli di impegno sportivo;
  • garantire la necessaria vigilanza sui giovani e giovanissimi assicurando che le relazioni con gli stessi si svolgano in modo ineccepibile sotto il profilo della correttezza morale.
  • garantire il rispetto delle esigenze e bisogni particolari dei giovani e dei bambini in crescita consentendo processi graduali di partecipazione, dal livello ludico di base a quello agonistico;

LINEE COMPORTAMENTALI “ DIRIGENTI “

Chiunque operi nella Società deve essere a conoscenza delle normative vigenti che disciplinano e regolamentano l’espletamento delle proprie funzioni e dei conseguenti comportamenti.

Tutte le attività devono essere svolte con impegno, rigore morale, trasparenza e correttezza anche al fine di tutelare l’immagine stessa della Società.

Tutti, nell’ambito delle specifiche attività, devono uniformare la propria condotta al pieno rispetto dei principi di lealtà, onestà, imparzialità, integrità morale evitando comportamenti atti ad incidere negativamente sui rapporti interni che devono essere improntati all’osservanza dei principi di civile convivenza nel rispetto reciproco e garantendo il rispetto dei diritti e delle libertà delle persone.

Tutti nell’esercizio delle attività e funzioni affidate devono operare con imparzialità evitando trattamenti di favore o disparità di trattamento nei confronti di tutti i soggetti che, a vario titolo, hanno rapporti con la Società.

È vietato rilasciare dichiarazioni o esprimere giudizi che possano in qualsiasi modo ledere l’immagine della Società o essere lesivi della reputazione di altre persone, Enti o Associazioni.

“TECNICI E ISTRUTTORI”

I tecnici devono trasmettere ai propri atleti valori come rispetto, sportività, civiltà ed integrità che vanno aldilà del singolo risultato sportivo e che sono il fondamento stesso dello sport.

Il comportamento degli allenatori deve essere sempre eticamente corretto nei confronti di tutte le componenti: atleti, colleghi, arbitri, dirigenti, genitori, tifosi e mezzi di informazione.

I tecnici sono presi ad esempio dai giovani come modelli di comportamento e devono comprendere la pesante influenza che parole ed atteggiamenti hanno nei confronti degli atleti che compongono la loro squadra.

Per questa ragione i tecnici devono impegnarsi al rispetto dei seguenti principi:

  • promuovere lo sport e le sue regole esaltandone i valori etici, umani ed il fair play;
  • tenere un comportamento esemplare; non premiare comportamenti sleali né adottarli personalmente;
  • non compiere atti diretti ad alterare artificiosamente lo svolgimento o il risultato di una gara o ad assicurare a chiunque un indebito vantaggio;
  • astenersi da qualsiasi condotta suscettibile di ledere l’integrità fisica e/o morale dell’avversario;
  • rispettare gli ufficiali e giudici di gara nella certezza che ogni decisione è presa in buona fede ed obiettivamente;
  • segnalare agli organi societari preposti ogni situazione di conflitto di interessi anche solo apparente;
  • garantire che la propria preparazione sia adatta ai bisogni dei giovani ed in particolari dei bambini in funzione dei diversi livelli di impegno sportivo;
  • evitare atteggiamenti vessatori o esageratamente punitivi;
  • evitare di suscitare nei giovani, e bambini in particolare, aspettative sproporzionate alle proprie effettive potenzialità;
  • dedicare eguale attenzione ed interesse a tutti i bambini indipendentemente dalle potenzialità individuali; – procedere, nella formazione delle squadre giovanili, alla selezione degli atleti tenuto conto non soltanto dei risultati sportivi e/o della condizione fisica bensì anche dell’impegno dimostrato, della condotta tenuta, del rispetto delle regole e delle persone;
  • avere cura del materiale tecnico, degli attrezzi e delle strutture di gioco;
  • vestire i colori della Società durante l’attività di palestra e le iniziative ad essa correlate.

GLI ATLETI

Tutti gli atleti devono perseguire il risultato sportivo ed il proprio successo personale nel rispetto dei principi previsti dal presente Codice Etico.

Gli atleti devono osservare il principio di solidarietà considerando più importante il rispetto dei valori sportivi rispetto al perseguimento del proprio successo.

Nella consapevolezza che il loro comportamento contribuisce a mantenere alto il valore dello sport gli atleti devono impegnarsi a:

  • onorare lo sport e le sue regole attraverso la competizione corretta, impegnandosi sempre al meglio delle loro possibilità e delle loro condizioni psicofisiche comportandosi sempre e comunque secondo i principi di lealtà e correttezza;
  • tenere un comportamento esemplare; – rifiutare ogni forma di doping;
  • astenersi dal compiere, con qualsiasi mezzo, atti diretti ad alterare artificiosamente lo svolgimento o il risultato di una gara;
  • astenersi da qualsiasi condotta suscettibile di ledere l’integrità fisica e/o morale degli avversari, rispettare gli stessi, i loro staff tecnici e dirigenziali;
  • rispettare gli ufficiali e giudici di gara nella certezza che ogni decisione è presa in buona fede ed obiettivamente;
  • adottare iniziative positive e/o comportamenti atti a sensibilizzare il pubblico delle manifestazioni sportive al rispetto degli atleti, delle squadre avversarie e dei relativi sostenitori;
  • astenersi dall’esprimere giudizi lesivi della reputazione dell’immagine e dignità personale di altre persone o organismi operanti nell’ordinamento sportivo;
  • rispettare, sostenere ed aiutare i propri compagni di squadra e le scelte degli allenatori in ogni circostanza fuori e dentro il campo;
  • onorare gli impegni, gli orari e le regole proprie della Società;
  • avere cura del materiale tecnico, degli attrezzi e delle strutture di gioco messe a disposizione dalla Società.

L’impegno scolastico riveste un’importanza fondamentale nell’attività di ogni atleta, ma anche la presenza costante agli allenamenti rappresenta un impegno assunto la cui inadempienza compromette anche l’attività di altre persone.

Ogni atleta è pertanto invitato ad organizzare il proprio tempo in modo tale da non compromettere né l’impegno scolastico, né l’attività sportiva.

I GENITORI

I genitori, nella condivisione degli obiettivi che la Società si prefigge attraverso l’adozione del presente Codice Etico, in considerazione del loro ruolo di educatori e primi insegnanti delle regole di comportamento, nell’ottica di una crescita dei loro figli in un ambiente sano nel segno di una autentica cultura dello sport e dei suoi valori etici, si impegnano a:

  • far vivere ai giovani atleti, ed in particolare ai bambini, un’ esperienza sportiva che li educhi ad una sana attività fisico-motoria anteponendo la salute ed il benessere psico-fisico ad ogni altra considerazione;
  • favorire nei processi educativi la cultura del fair play e della solidarietà nello sport; – evitare di suscitare e/o alimentare aspettative sproporzionate alle loro possibilità;
  • promuovere un’esperienza sportiva che sappia valorizzare le potenzialità dei propri figli nel rispetto delle loro esigenze primarie e dei loro bisogni particolari, propri dei naturali processi di crescita, evitando ogni forma di pressione anche psicologica e favorendo un equilibrato ed armonico sviluppo delle abilità psico-motorie;
  • mettere in risalto il piacere e la soddisfazione di praticare sport e a non esercitare pressioni indebite o contrarie al diritto del giovane e/o bambino di scegliere liberamente sulla sua partecipazione;
  • assumere, durante lo svolgimento delle competizioni, atteggiamenti e comportamenti coerenti con i principi del presente Codice Etico affinché essi possano rappresentare un modello positivo da seguire per i propri figli;
  • avere cura del materiale tecnico, degli attrezzi e delle strutture di gioco; – onorare gli impegni, gli orari e le regole proprie della Società.

Regolamento interno – Parte Seconda

1. “REGOLE GENERALI”

  1. All’interno delle palestre non è consentito assolutamente fumare
  2. Per non interferire con gli allenamenti si è pregati di spegnere o mettere in modalità silenziosa il cellulare all’interno della palestra
  3. Tenere cura dell’attrezzatura, dei palloni e di tutto il materiale della società, eventuali danneggiamenti volontari verranno quantificati e fatti rimborsare
  4. Sui social o tramite qualsiasi mezzo di informazione è assolutamente vietato pubblicare post diffamatori o che danneggino l’immagine della nostra società, le eventuali sanzioni potrebbero anche rientrare nel penale
  5. Sui social è gradito, ed è un buon modo per coinvolgere e aumentare il senso di appartenenza, condividere le iniziative e i post dei canali ufficiali della nostra società

2. “REGOLE PER I DIRIGENTI”

  1. Chiunque accetta un’incarico nell’organigramma della società deve approvare, rispettare e promuovere le linee comportamentali del codice etico
  2. Assolutamente vietato intraprendere iniziative che non riguardino il proprio ruolo senza aver avvisato chi ricopre quel ruolo
  3. Assumersi tutti i doveri del proprio compito, farsi aiutare in caso di mancanza di tempo
  4. Avere durante allenamenti, partite, incontri ufficiali in qualunque sede, un comportamento professionale, aperto al dialogo e al confronto
  5. Non danneggiare l’immagine della società con nessun tipo di parola, comportamento o altro
  6. Tutto ciò che viene detto nelle riunioni societarie, salvo espressa richiesta, rimangono all’interno dell’organigramma
  7. E’ obbligatorio tenere il segreto nelle notizie come acquisti, cessioni, movimenti di mercato, e altro, fino a quando il canale di comunicazione ufficiale della società non avrà resa pubblica la notizia
  8. Tutto ciò che è inserito nel paragrafo 1 “Regole Generali”

3. “REGOLE PER TECNICI E ISTRUTTORI”

  1. Partecipare a tutte le riunioni stabilite dalla Società
  2. Consultare il proprio direttore tecnico prima di ogni eventuale provvedimento disciplinare per i giocatori
  3. Mantenere buoni rapporti con i genitori di tutti i giocatori
  4. Rendersi disponibili per eventuali colloqui individuali con i genitori, solo su appuntamento
  5. Mantenere un atteggiamento equilibrato durante gli allenamenti: vietato insultare i giocatori, vietato sedersi o parlare con altre persone che non facciano parte del gruppo
  6. Ad ogni inizio/fine allenamento controllare la presenza e la funzionalità di tutte le attrezzature necessarie per un corretto svolgimento della seduta
  7. Controllare che tutti i palloni rientrino nel cesto societario al termine di ogni allenamento, in particolare dell’ ultimo della giornata
  8. Se ultimo allenamento della giornata, in assenza di custode, assicurarsi che tutti i giocatori siano usciti e chiudere palestra.
  9. Segnalare eventuali problematiche soprattutto sulla salute degli atleti immediatamente alla società
  10. Rispettare e collaborare con i ruoli societari previsti dall’organigramma
  11. Indossare, nei limiti del possibile durante gli allenamenti, obbligatoriamente durante le partite ufficiali, polo, felpe e tutto il materiale della società
  12. Tutto ciò che è inserito nel paragrafo 1 “Regole Generali”

4. “REGOLE PER GLI ATLETI”

Durante allenamento

  1. Ogni giocatore deve essere pronto 15 minuti prima dell’inizio dell’allenamento.
  2. Non è concesso allontanarsi dal campo di allenamento per alcun motivo. Le pause verranno concesse solo dall’allenatore.
  3. Durante le pause non si potrà andare negli spogliatoi fatto salvo specifiche esigenze e solo dietro un esplicito permesso dell’allenatore o del Dirigente.
  4. La divisa da gioco non potrà essere utilizzata per gli allenamenti né per ogni altra occasione non autorizzata.
  5. Ogni giocatore è responsabile del proprio vestiario anche se questo è lasciato negli spogliatoi.
  6. Durante l’allenamento, ogni telefono cellulare dovrà essere spento o silenzioso
  7. Non sono ammessi ritardi o assenze ingiustificate agli allenamenti: l’allenatore dovrà essere avvisato con debito anticipo sia dell’assenza che dell’eventuale ritardo mediante una telefonata o un sms

Durante le partite

  1. I giocatori convocati devono trovarsi all’impianto sportivo dove si giocherà la partita un’ora e trenta minuti prima dell’inizio
  2. Il giocatore convocato dovrà presentarsi ad ogni partita con: divise da gioco complete, eventuale sopramaglia ed il proprio documento d’identificazione (carta di identità o passaporto) pena la non partecipazione alla partita.
  3. La divisa da gioco dovrà essere indossata nel modo più appropriato pena la non partecipazione alla partita.
  4. Durante il riscaldamento, all’uscita degli spogliatoi dopo l’intervallo ed in panchina è obbligatorio indossare l’eventuale sopramaglia della Società.
  5. Durante il riscaldamento è vietato indossare lettori mp3 o auricolari in genere ed allontanarsi dal campo per salutare parenti o amici.
  6. Non sono ammesse assenze o ritardi ingiustificati alle partite: l’allenatore dovrà essere avvisato il giorno dell’ultimo allenamento antecedente la gara prima che esso abbia comunicato le convocazioni.
  7. L’allenatore e/o il team manager organizzano la trasferta e comunicano il programma del viaggio con gli orari da rispettare. Eccezioni o variazioni, anche se relative al viaggio di ritorno, dovranno essere concordate.
  8. In qualunque occasione, l’utilizzo di mezzi propri da parte di atleti e tecnici dovrà essere autorizzato dalla Società.
  9. In trasferta come in casa bisogna presentarsi con borsone, tuta e vestiario comunque riportante il logo Basket Francavilla 1963

Regole generali per gli atleti

  1. Scarso rendimento dovuto a lassismo o ad un comportamento non professionale, non saranno accettat
  2. Ogni atleta deve rivolgersi allo staff medico della società o a professionisti contattati dalla società
  3. Ogni atleta deve seguire i piani indicati dal preparatore fisico e rientrare nei parametri di peso e forma fisica da lui richiesti
  4. è vietato allenarsi presso altre strutture che non siano autorizzate dalla società.
  5. Non saranno accettate espulsioni dal campo di gioco per comportamento antisportivo nei confronti di atleti o arbitri
  6. Tutto ciò che è inserito nel paragrafo 1 “Regole Generali”

Ogni giocatore convocato, se vuole usufruire dei 2 accrediti per le partite interne, deve comunicarli all’ufficio stampa, tassativamente entro le ore 20 del giorno antecedente al match, altrimenti non saranno accreditati.

5. “MULTE E SANZIONI”

A tutti i dipendenti la società si riserva la possibilità di punire comportamenti che violino le suddette regole.

Il “comitato dei garanti del codice etico”, valuterà, su segnalazione, tutti i casi di violazione di suddette regole e potrà applicare sanzioni.
La misura della decurtazione sarà valutata in base alla gravità e alla recidività seguendo questa tabella :

1. Richiamo VERBALE alla prima violazione
2. Richiamo SCRITTO alla seconda violazione
3. Euro 50,00 – 100,00 alla terza violazione
4. Scioglimento del contratto alla quarta violazione

Per le regole -5 e -6 del paragrafo 4 sezione “regole generali per gli atleti” varrà invece la seguente tabella :

1. Euro 10 alla prima violazione
2. Euro 50 alla seconda violazione
3. Euro 100,00 alla terza violazione
4. Scioglimento del contratto alla quarta violazione

Tali provvedimenti saranno comunicati all’ Atleta, a pena decadenza, entro 10gg. dal verificarsi del fatto o dalla sua scoperta.

Qualsiasi provvedimento non sarà di dominio pubblico, chiunque violi questa regola sarà a sua volta sanzionato seguendo la suddetta tabella.

La società spera vivamente di non dover ricorrere mai a quello che è stato elencato nel paragrafo 5, per questo motivo ha deciso che eventuali entroiti provenienti da multe o sanzioni, non andranno nelle casse societarie ma andranno a finanziare iniziative benefiche o la campagna “Tifo leale” .